Il Teatro per la Scuola

IL TEATRO PER LA SCUOLA

Scarica scheda informativa

La Fondazione Molise Cultura inaugura una nuova esperienza al teatro Savoia destinata alle scuole: la lettura e l’interpretazione dei classici. Un percorso innovativo e di profonda riflessione, oltre che di consolidato apprendimento per gli alunni delle scuole superiori che studiano gli autori classici. Protagonisti sul palco del Savoia saranno interpreti noti e di grande successo: Maddalena Crippa, Giuseppe Cederna, Dario Vergassola e David Riondino per “Un racconto mediterraneo”; Enrico Lo Verso per “Uno nessuno centomila”.
Il progetto è composto da 2 giornate: il 7 e il 14 marzo 2018.
Mercoledì 7 marzo 2018 alle ore 10 - 18,30 - 21, ben 3 spettacoli al teatro Savoia: i primi due sono mattinè e quello delle ore 21 rientra nel cartellone della stagione teatrale. Il titolo

racconto_sito1.jpgUN RACCONTO MEDITERRANEO include:
Iliade, Odissea, Eneide
Progetto e regia di Sergio Maifredi
Produzione Teatro Pubblico Ligure

Mercoledì 7 marzo alle ore 10:
Eneide un racconto mediterraneo, MADDALENA CRIPPA
Didone (Canto IV).

Mercoledì 7 marzo alle ore 18,30:
Odissea un racconto mediterraneo, GIUSEPPE CEDERNA
Odisseo all’isola dei Feaci (Libri V-VIII)

Mercoledì 7 marzo alle ore 21:
Iliade un racconto mediterraneo, DAVID RIONDINO e DARIO VERGASSOLA,
Achille e Priamo (Canto XXIV)

Nella splendida cornice del teatro Savoia di Campobasso gli alunni assisteranno ad una novità assoluta: una giornata intera dedicata a tre libri classici che stanno alla base della cultura occidentale: Iliade e Odissea di Omero ed Eneide di Virgilio.

Mercoledì 7 marzo 2018 in tre diversi momenti della giornata – la mattina, il pomeriggio e la sera – si assiste a Un racconto mediterraneo, progetto lanciato nel 2011 da Teatro Pubblico Ligure, ideato e diretto da Sergio Maifredi con l’intento di restituire alla dimensione orale i grandi testi fondativi della cultura occidentale. Tre spettacoli autonomi che si possono ascoltare anche in una “maratona” dedicata a pensieri antichi per pensieri nuovi. Ospitati nei maggiori festival italiani e nelle stagioni teatrali di tutta Italia, il progetto affida le pagine di questi capolavori a interpreti che volutamente sono molto diversi tra loro, per presentare così punti di vista sempre originali. Ognuno offre temi di attualità come la passione, il viaggio, gli eroi.

La giornata al Teatro Savoia di Campobasso si apre alle ore 10 con Maddalena Crippa impegnata nel dare voce a Didone, regina di Cartagine, nel momento in cui confessa alla sorella Anna l’amore nefasto che la lega ad Enea, portandola dalla passione alla morte, impotente di fronte alla guerra in cui è stata coinvolta e alla forza di cui è stata vittima. L’attrice da anni è fra i protagonisti di Eneide un racconto mediterraneo, poema di cui le è stato affidato il Canto IV, Didone.

L’intensa giornata al Savoia prosegue alle ore 18,30 con Giuseppe Cederna e Odissea un racconto mediterraneo, di cui racconta l’episodio Odisseo all’isola dei Feaci (Libri V-VIII). Nudo e sporco di salsedine, Odisseo è in fuga e viene accolto da Nausicaa, la figlia del re Alcìnoo. Non si rivelerà subito. Solo nel momento in cui il cantore, richiesto da Alcinoo, canterà le gesta immortali di Odisseo, il nostro eroe piangendo rivelerà al re il suo vero nome. A quel punto Odisseo si fa cantore a sua volta, in un gioco di specchi con Omero il suo creatore, e proseguirà lui la narrazione delle sue avventure. Alcinoo gli concederà le navi per ritornare, non senza ulteriori affanni, a Itaca.

La giornata dedicata ai classici si chiude alle ore 21, sempre al Teatro Savoia, con David Riondino e Dario Vergassola, impegnati in Iliade un racconto mediterraneo, poema di cui ripercorrono le gesta di Achille e Priamo (Canto XXIV). Due eroi, vincitore e vinto, si scontrano per anni nella guerra di Troia. Il vecchio Priamo, re di Troia, si inginocchia davanti al valoroso combattente e piange i numerosi figli che ha visto morire, chiedendogli la restituzione del corpo di Ettore. Achille si commuove e onora il vecchio re. Alla furia segue la pietà, in un incontro magistrale nel quale i due protagonisti si spogliano dei loro ruoli e fanno prevalere l’umanità.

manifestoLOVERSO.jpgIl secondo appuntamento del progetto è “Uno nessuno centomila” con Enrico Lo Verso mercoledì 14 marzo alle 11.30.
È un omaggio a Luigi Pirandello, in occasione dell’ottantesimo anniversario della sua morte. Dal più celebre dei romanzi di Luigi Pirandello, la storia di un uomo che sceglie di mettere in discussione la propria vita, a partire da un dettaglio, minimo insignificante. Il pretesto è un appunto, un’osservazione banale che viene dall’esterno. I dubbi di un’esistenza si dipanano intorno ad un particolare fisico. Le cento maschere della quotidianità, lasciano il posto alla ricerca del SE’ autentico, vero, profondo. L’ironia della scrittura rendo la situazione paradossale, grottesca, accentua gli equivoci. La vita si apre come in un gioco di scatole cinesi, e nel fondo è l’essenza.
Abbandonare i centomila, per cercare l’uno, a volte può significare fare i conti con il nessuno. Ma forse è un prezzo che conviene pagare, pur di assaporare la vita.

Prezzi dei biglietti
Un racconto mediterraneo, 2 spettacoli, ore 10 e 18.30: 10 €
Uno nessuno centomila, ore 11.30: 5 €